Su questo sito usiamo i cookies. Navigandolo accetti.

 Stampa 

E sempre un gran piacere vedere questa barbara usanza sta man mano scemando, ci dispiace solo che i sindaci non abbiano un polso più fermo nell'emandare le ordinanze, ma grazie alle campagne di sensibilizzazione svolte, i risultati si vedono, il capodanno 2017 è stato meno rumoroso grazie a tutti voi

Forza continuate insieme a noi a far campagna sui social e dove potete! 

SCARICA E DIVULGA IL VOLANTINO

DIVULGA IL VOOLANTINO

INDICAZIONI SU COME SI PUò AGIRE:

reperire i contatti mail via intenet è davvero facile , per esempio per i comuni della province di milano esiste questo sitoe cercando si trovano ovviamente tutte le liste dei comuni delle varie province.)
http://www.comuni-italiani.it/015/indirizzi.html

inviare questa lettera ai comuni

(versione per le associazioni)

LETTERA FORMATO WORD (modificabile)

(versione per i privati)

LETTERA FORMATO WORD (modificabile)

Grazie alla pressione fatta dalle associazioni e dai singoli cittadini, ogni anno quasi tutti i Comuni Italiani emettono ordinanze di divieto di esplosioni dei botti

Un’usanza incivile e irresponsabile ogni anno non solo fa sprecare milioni di euro ad ignari ed irresponsabili cittadini, che con questo stupido gioco, si rendono, a volte inconsapevolmente,  responsabili di morti di esseri viventi innocenti.

Sicuramente le vittime più compiante sono gli umani, spesso sono bambini, che perdono la vita, a volte qualche arto o a volte qualche occhio, ma non sono solo loro le vittime se pur le più evidenti ... tutti gli animali che popolano il nostro martoriato pianeta subiscono dei danni irreversibili, alcuni muoiono di infarto (uccellini, gatti e qualche cane, altri fuggono terrorizzati dal frastuono totalmente innaturale e per loro spaventoso, altri creano incidenti automobilistici, coinvolgendo sempre a nostre spese le forze dell’ordine stupidamente impegnate per il gioco folle di qualche irresponsabile).

Da anni ormai l’ignoranza non regna più sovrana su tutti ed ecco che tanti Sindaci emettono ordinanze di divieto di esplosioni di botti, sono Sindaci che proteggono i loro cittadini e il nostro ambiente (in pochi minuti di esplosione non si ha idea del danno che subisce l’ambiente).

Noi, come la maggior parte delle altre associazioni animaliste e ambientaliste, chiediamo a gran voce a tutti i Sindaci di emettere ordinanze di divieto ai fini di proteggerci tutti.

Ecco l'elenco delle ordinanze già emesse per questo 2016 (quella del comune di Castano Primo ci pare la più completa):

COMUNE DI GUDO VISCONTI (MI)

COMUNE DI PESCHIERA BORROMEO (MI)

COMUNE DI CASTANO PRIMO (MI)

COMUNE DI BESANA IN BRIANZA (MI)

COMUNE DI CASARILE (MI)

COMUNE DI FONTANELLATO (PR)

COMUNE DI OLGIATE OLONA (VA)

COMUNE DI OSTIGLIA (MN)

COMUNE DI PALAIA (PI)

COMUNE DI PINETO (TE)

COMUNE DI POMIGLIANO D'ARCO (NA)

COMUNE DI SANTHIA' (VC)

COMUNE DI SAN DONATO MILANESE (MI) 

In questo articolo trovate tutte le informazioni per poter scrivere ai vari sindaci (ci stiamo attrezzando per la lista di indirizzi mail) anche in forma di privati cittadini, la pressione di tutti convincerà anche i Sindaci meno attenti a proteggerci da questa stupida e pericolosa usanza. Più sotto trovate la lista dei comuni che nel 2015 hanno appoggiato questa idea.

 Abbiamo dato il via anche a un concorso fotografico, dove ognuno ci invierà la fotografia del proprio animale con una scritta/cartello contro i botti, tutte le foto dovranno esser pubblicate sulla nostra pagina di facebook nell’apposito evento:

CONTEST FOTOGRAFICO DICIAMO NO AI BOTTI DI CAPODANNO

il vincitore riceverà in premio il nostro calendario e vedrà pubblicità la sua foto nella copertina della pagina facebook di Canili Milano per tutto il mese di gennaio. I secondi e terzi classificati riceveranno comunque un certificato via mail.

INVITIAMO TUTTI I CITTADINI CHE FOSSERO TESTIMONI DI ESPLOSIONI ILLEGALI (con l’ordinanza lo sono) DI FAR INTERVENIRE SUBITO LE FORZE DELL’ORDINE!

CHIEDIAMO A TUTTI COLORO CHE CAPISCONO L'ENTITà DEL PROBLEMA di agire e di non lamentarsi e basta.

In che modo agire?

Inviando lettere ai comuni (anche mail) a tutti i comuni italiani chiedendo di emettere l'ordinanza che lo scorso anno hanno emesso quasi 2000 comuni italiani, e di sensibilizzare i conoscenti e dissuadere dall'eventuale desiderio di prendere parte a questo stupido gioco. 

INDICAZIONI SU COME SI PUò AGIRE:

reperire i contatti mail via intenet è davvero facile , per esempio per i comuni della province di milano esiste questo sitoe cercando si trovano ovviamente tutte le liste dei comuni delle varie province.)
http://www.comuni-italiani.it/015/indirizzi.html

inviare questa lettera ai comuni

(versione per le associazioni)

LETTERA FORMATO WORD (modificabile)

(versione per i privati)

LETTERA FORMATO WORD (modificabile)

Abbiamo anche fatto un esempio di ORDINANZA da proporre, l'abbiamo tratta dalle varie ordinanza e in particolare da quella del comune di Baranzate che ci è parsa più completa

ORDINANZA TIPO        ORDINANZA COMUNE BARANZATE 

Il mondo è la nostra casa e noi siamo liberi di cercare di migliorarlo, le cose non migliorano con le lamentele ma con le azioni ed è nostro dovere fare la nostra parte!

FORZA pochi minuti di tempo per cambiare davvero qualcosa!

Augurandoci di riuscire a evitare che vengano sparati botti, RACCOMANDIAMO IN OGNI CASO AI PROPRIETARI DI CANI DI TENERLI LEGATI E CON I COLLARI STRETTI.. (ogni anno si perdono davvero troppi cani..). Ovvio gatti chiusi in casa!

 _______________________________

GENNAIO 2106

ABBIAMO CONSTATATO CHE L'INIZIATIVA HA AVUTO SUCCESSO!! RINGRAZIAMO PERTANTO TUTTI I COMUNI PER AVER EMANATO LE ORDINANZE CONTRO I BOTTI DEL CAPODANNO 2105 E CI AUGURIAMO CHE SIANO OGNI ANNO SEMPRE DI PIù

DICEMBRE 2015 

Anche quest’anno se pur con meno tempo, ci stiamo adoperando affinché i comuni emanino ordinanza di divieto di esplosione dei botti, abbiamo come ogni anno inviato ufficiale richiesta ad ogni singolo Sindaco di Italia, abbiamo inviato un comunicato stampa ai giornali (e ci auguriamo che tutte le associazioni facciano altrettanto), pubblichiamo qui di seguito le prime ordinanze che ci son state inviate dai Sindaci più responsabili (ovviamente le ordinanze di divieto saranno molte di quelle che vedrete riportate man mano ed il sito sarà periodicamente aggiornato)

LINK ALLE ORDINANZE DEL DICEMBRE 2015

(ringraziamo i Sindaci che ci hanno risposto inviandoci l’ordinanza emessa, prova di grande senso di responsabilità)

COMUNE DI ALGHERO (SS)

COMUNE DI BARANZATE (MI)

COMUNE DI BOLOGNA

COMUNE DI BORGO TICINO (NO)

COMUNE DI CENTALLO (CN)

COMUNE DI EBOLI (SA)

COMUNE DI ERCHIE (BR)

COMUNE DI FANO (PU)

COMUNE DI ISPRA (VA)

COMUNE DI LIZZANELLO (LE)

COMUNE DI LODI

COMUNE DI MILANO

COMUNE DI MONTALE (PT)

COMUNE DI PESCHIERA BORROMEO (MI)

COMUNE DI SAN GIORGIO SU LEGNANO (MI)

COMUNE DI SETTIMO MILANESE (MI)

COMUNE DI TAVAZZANO (LO)

COMUNE DI VERBANIA

COMUNE DI VERNATE (MI)

 

Come procedere per far in modo che tutti i Comuni emanino le ordinanze:

CONTRO I BOTTI DI CAPODANNO non subiamo ma AGIAMO!

VOLANTINO DA DIVULGARE OVUNQUE ANCHE NELLE SCUOLE

DIVULGA IL VOOLANTINO

..non lamentiamoci, facciamo in modo che questa usanza cessi di esitere!

Come ormai tristemente noto ogni anno, la stupida tradizione di sparare botti miete tante vittime, noi ci preoccupiamo per i nostri amici animali, ma non sono solo loro le vittime.

Uomini, donne, bambini, i pronto soccorso vengono affollati da persone che restano ferite dai botti esplosi da loro stessi o da amici o da botti inesplosi che rimangono giorni dopo il 31 dicembre sulle nostre strade. Sono i più classici i casi delle dita o degli occhi feriti, di innocenti bambini figli di genitori irresponsabili.

bollettino di guerra:

ANIMALI:morti 132 cani e 205 gatti, 950 gli animali in fuga; prosegue la petizione per fermare i botti

PERSONE: 2 morti e circa 500 feriti, tra cui 70 bimbi circa

inquinamento ambientale

inquinamento acustico

forti danni ai monumenti

Sono davvero svariati i motivi per cui questa folle (e dispendiosa consuetudine) deve immediatamente cessare!

Riportiamo qui l'articolo di il giornale.it dello gennaio 2012 CLICCA QUI PER LEGGERE L'ARTICOLO